sabato 30 gennaio 2010

SE DOVESSI MORIRE DOMANI...



Vorrei lasciare calzini puliti
E camicie odorose di fresco
E lavande nei teli.
Torte soffici appena sfornate
Noci e mandorle ben bene tostate
E tutti i miei libri già scritti.

Vorrei danzare con la nuvola bianca
E tuffarmi nell’onda più allegra
Imparare tutte le lingue del mondo
E nuotare sino ai bordi del cielo.
Parlare con l’erba e i cammelli
E guarire i ragazzi di strada.

Vorrei bere un bicchiere d’amore
Dissetando, a mia volta, sicura,
chi mi chiede un’acqua d’affetto.
Coltivare germogli e speranze
E annaffiare millanta piantine
E ballare, pregare, cantare.

Vorrei lasciare sorrisi agli amici
E infiniti abbracci ai miei figli
E tesori dorati a Irene.
E guardare la morte ridendo
Carezzando tutti i miei gelsomini:
Che il profumo renda lieve la via.

4 commenti:

  1. Una volta ho letto: «Se ogni giorno fosse migliore del precedente, il giorno migliore della nostra vita coinciderebbe con quello della nostra morte».

    Tu hai fermato quel giorno, lo hai dilatato ed infarcito così tanto di vita che ho visto gli Angeli schernire la Grande Mietitrice.
    Te ne sono grato.

    RispondiElimina
  2. che bello leggerti mi sento leggera!!!

    RispondiElimina
  3. Chi sei, cara Anonimo, che si sente leggera leggendomi?!!
    Ma forse intuisco...

    RispondiElimina
  4. Si, "che il profumo renda lieve la"... vita. Ciao.

    RispondiElimina