giovedì 13 ottobre 2011

Dedicato a P.


Dedicato a un ragazzo che se ne è andato il 13 ottobre di cinque anni fa. Non per un incidente automobilistico, come l’amica a cui Guccini ha dedicato la canzone, ma per una banale polmonite. Voglio sperare, come canta Guccini, che anche P. continui a sorriderci, da qualche punto dell’universo forse ancora più luminoso del nostro.
Quando si è giovani è strano, pensare che la nostra sorte venga e ci prenda per mano…. Non lo sapevi, ma cosa hai sentito … Quando il cielo di sopra è crollato, quando la vita è fuggita...
Voglio sapere a che cosa è servito vivere, amare, soffrire: spendere tutti i tuoi giorni passati se così presto hai dovuto partire.
Voglio però ricordarti com’eri, pensare che ancora vivi. Voglio pensare che ancora mi ascolti e che come allora sorridi.



4 commenti:

  1. Ciao, caro amico di Mari. Ciao.

    RispondiElimina
  2. Commovente, il tuo pensiero almeno quanto quello di Francesco. Grazie, Maria.

    RispondiElimina
  3. Mi unisco a questo toccante saluto. Un abbraccio.

    RispondiElimina