martedì 12 febbraio 2013

S'i fossi Eulalia ...

Maruzza a un anno, lei nonviolenta vestita da cow/baby!

Mamma ogni tanto lo ripeteva, a nostra Bimbetta: ti avremmo chiamata Bernadette[1], se tu fossi nata il giorno prima. Da piccina educata, lei non reagiva: ma quel nome così lungo, davvero non le piaceva.
Quell’altro, invece, la affascinava. Sarebbe stata la cosa più semplice: chiamarla come la martire venerata nel suo giorno di nascita. Ma il conflitto di interessi era troppo forte: pur se santa di tutto rispetto[2], non poteva competere con l’appellativo della Vergine Madre e l’Antonietta della nonnina dagli occhi cerulei.
Però, di quel nome vergato il dodici sul calendario,  nostra figliola amava il suono - la E iniziale, flessuosa e gentile, nel regno della liquida Elle, sovrana assoluta tra le vocali - ed il senso, che da una lingua antica le si era nel tempo svelato: Colei che parla bene.
Nostra Signora, intanto cresciuta, se una cosa aveva imparato, era a farle danzare con brio, le benedette parole. Che non si stancava di usare e, soprattutto, di scrivere: a dritto e a rovescio. Prima e dopo i pasti. Al lavoro e a casa. Al giornale e nel blog. Con tono deciso o sussurrate appena appena.
Così, alla girandola dei suoi tanti nomi, le piacerebbe aggiungere: Eulalia.

(Anche se non ci azzecca con la santa di Barcellona, vi propongo Eulalia Torricelli da Forlì, con la voce intensa di Gabriella Ferri)




[1] L’11 febbraio si ricorda l’apparizione della Madonna a Lourdes  a Bernadette Soubirous, mentre la ragazzina pascolava le pecore.
[2] Sant’Eulalia di Barcellona (290-303), che subì il martirio a 13 anni sotto l’imperatore Diocleziano. Il martirologio romano la venera il 12 febbraio.

8 commenti:


  1. Invito - italiano
    Io sono brasiliano.
    Dedicato alla lettura di qui, e visitare il suo blog.
    ho anche uno, soltanto molto più semplice.
    'm vi invita a farmi visita, e, se possibile seguire insieme per loro e con loro. Mi è sempre piaciuto scrivere, esporre e condividere le mie idee con le persone, a prescindere dalla classe sociale, credo religioso, l'orientamento sessuale, o, di Razza.
    Per me, ciò che il nostro interesse è lo scambio di idee, e, pensieri.
    'm lì nel mio Grullo spazio, in attesa per voi.
    E sto già seguendo il tuo blog.
    Forza, pace, amicizia e felicità
    Per te, un abbraccio dal Brasile.
    www.josemariacosta.com

    RispondiElimina
  2. Buon Compleanno alla piccola cow/baby (deliziosa) e alla meraviglia leggermente cresciuta. Insomma, Auguri cucciola di Eulalia!

    RispondiElimina
  3. Con tutto il rispetto per Eulalia, il tuo nome mi piace molto di più. Però devo ammettere che il significato di Eulalia è bello!

    RispondiElimina
  4. Augurissimi alla cow-baby pacifista! Avrebbero potuto chiamarti Irene, per la tua indole...
    Io invece, presa dai miei primi studi di greco e latino, avrei voluto chiamarmi Fiomena, o meglio Amanda :-)
    Ma in realtà trovo bello il mio nome, e anche il tuo.
    E così sei Maria Antonietta, mi fa tanto Lady Oscar, che ricordi!

    RispondiElimina
  5. Carissima, grazie della tua attenzione!
    Un periodo pieno di cambiamenti, forse troppi, mi hanno fatto trascurare i miei amici di blog. Spero prima o poi di stabilizzarmi!
    Un abbraccio e grazie ancora!

    RispondiElimina
  6. Uh, me la cantava sempre la mia mamma! :-)

    RispondiElimina
  7. E allora tanti auguri - anche se in ritardo! Maneggiare le parole è tra le cose più belle che ci siano!

    RispondiElimina
  8. @Josè Maria,DOC,Vele,Curly,stanza(bentornata!!),Silvia, Veronica: un abbraccio e un grazie da Maria, Eulalia magari alla prossima vita.

    RispondiElimina