lunedì 22 luglio 2013

Le parole oggi non bastano

Non chiedermi parole oggi non bastano.
Stanno nei dizionari: sia pure imprevedibili
nei loro incastri, sono consunte voci.
È sempre un prevedibile dejà vu.
Vorrei parlare con te - è lo stesso con Dio -
tramite segni umbratili di nervi,
elettrici messaggi che la psiche
trae dal cuore dell'universo.
Un fremere d'antenne, un disegno di danza,
un infinitesimo battere di ciglia,
la musica-ultrasuono che nemmeno
immaginava Bach.
                            Maria Luisa Spaziani

4 commenti:

  1. Ciaooo, cara Maruzza!!! Ma questa è la mia poesia, è bellissima e le parole sono quelle che avrei voluto dire ma, solo una poetessa poteva tirarle fuori miracolosamente!!! La musica è adatissima brava! In questi giorni sono in particolare giù, mi sono stancata la scorsa settimana e ora per riprendermi ci vuole solo la mia testardaggine... in fretta, domenica sto preparando la festa d'estate con i miei ospiti della comunità in cui lavoro. Spero che tutti i mesi di prove servino a qulcosa, lo spettacolo sarà spettacolare. Ti farò sapere, intanto ti dico che il gruppo di stonatissimi cantanti si chiama "I cugini della Rossa" naturalmente stonerò anch'io...Ti adorissimo!

    RispondiElimina
  2. @Pippi: fammi sapere di questa festa e, se vuoi, dimmi qualcosa in più della comunità in cui lavori. Un cosmoabbraccio! A presto. Grazie di esserci.

    RispondiElimina
  3. Ciao cara Maruzza, dato che ho un po' tempo ti dico com'è andata la festa... è andata benissimo, con i miei ragazzi di tutte le età abbiamo stonato alla grande ma ci stava perchè la base musicale si prestava molto a questa melodia informale... inoltre mentre cantavamo altri facevano teatro era una storia sulla storia. Con le "ragazze" invece abbiamo ideato una sfilata di alta moda...direttamente da palazzo Pippi tirati fuori dal solito vestiti un tanto al peso ma, indossati fanno la loro porca figura e gioielli Strvoschi,Bulgaris che tutto il mondo ci invidia, è stata un successone!!! Anche il cibo è stato ideato e curato da noi e stavolta non scherzo. Da Morgan mi sono fatta regalare coppe e medaglie per premiare tutti. Lavoro in una comunità che una parte è casa di riposo e l'altra centro diurno per persone diversamente divertenti ma...spesso smpegnative. Ti adorissimo!

    RispondiElimina
  4. @Pippi: grazie di questo racconto di festa intensamente e pazzamente vissuta. Davvero impegnativo e pieno di umanità il tuo lavoro. Brava! E' grazie a persone come te che il mondo va avanti. Un forte abbraccio.

    RispondiElimina