venerdì 9 ottobre 2015

E padre Pio sta a guardare …

      Nei pressi di via Oreto nuova -  periferia est di Palermo -  sotto lo sguardo benedicente dell’ennesima statua di padre Pio a grandezza d’uomo, c’è un giardinetto con splendide sophore japoniche (alberi, come suggerisce il nome, importati dall’Asia centrale e dal Giappone), provvisto persino di comode panchine. Ci si potrebbe sedere per sferruzzare o leggere un libro. Ma ci sono almeno due deterrenti: la costante presenza di uomini che confabulano e ti guardano con sospetto e fastidio se accenni a restare lì più del previsto, e un’insopportabile sporcizia, dovuta a una quantità infinita di bottiglie e cartacce, sebbene proprio a due passi ci siano contenitori per la spazzatura e appositi recipienti per la raccolta differenziata. Chissà se padre Pio ci sta bene in un posto così … Sicuramente non ci stanno bene i palermitani che detestano il “controllo” occulto di uno spazio pubblico e amano la pulizia e la bellezza.
                                                                       Maria D’Asaro,Centonove” n. 21 dell’8.10.2015

5 commenti:

  1. E nessuno pulisce...? Ciao baci

    RispondiElimina
  2. Anche a me passerebbe la voglia di sferruzzare in un posto così

    RispondiElimina
  3. Si coglie, in questo post, la tensione alla bellezza e anche, garbatamente, la denuncia della sua continua negazione e qualcos’altro ancora…. Anche questo è un modo per essere responsabili del mondo. Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  4. @Aliza: nessuno ... E' una vergogna. Scriverò una lettera a Sindaco e assessore. Buon fine settimana. Baci.
    @Pietro Spalla: che onore una tua visita e un tuo commento! Meglio sferruzzare alle "cenette filosofiche". Buon fine settimana.
    @gian maria zavattaro: grazie per la visita e l'apprezzamento. Buon fine settimana.
    @UIFPW08: Palermo si conferma città irredimibile ... Buon fine settimana.

    RispondiElimina