domenica 24 gennaio 2016

Non saprete né il minuto né l’ora …

      A fine Dicembre a Palermo è partito il primo tram, non senza polemiche sul pesante costo del nuovo servizio pubblico (quasi diciotto milioni a chilometro), sulle incertezze relative alla ditta che si occuperà della sua gestione e sulle modalità di finanziamento del servizio, legate a una tassa sulle zone a traffico limitato: troppo bassa per scoraggiare davvero l’uso dell’auto, troppo aleatoria per assicurarne con certezza i proventi. Intanto, chi non vuole inquinare, chi vuole risparmiare sulla benzina o chi semplicemente non ha l’auto, continua a prendere gli autobus. E continua a domandarsi perché non possa pianificare il suo giro in città prendendo visione di quando passerà il mezzo pubblico che aspetta. Si chiede perché a Bologna, Udine  e  Milano ci siano le tabelle con affissi gli orari degli autobus e a Palermo no. Ma capisce purtroppo perché, nella classifica annuale 2015 delle 110 città italiane, Palermo occupi la posizione n.105.
                                                                            Maria D’Asaro:Centonove” n. 3 del 21.1.2016

2 commenti:

  1. Rossana Rolando29 gennaio 2016 17:39

    Una riflessione forse amara, ma che dice anche il desiderio di chi vorrebbe vedere la propria terra migliore, rendendola già tale attraverso la “denuncia”. Buona domenica, Rossana Rolando.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Rossana: colto perfettamente il senso dello scritto. Buon fine settimana!

      Elimina