giovedì 25 febbraio 2016

La 'saggezza triste': nuovi passi di danza

V.Van Gogh: Sala da ballo ad Arlen (1888)
        E’ necessario tener presente che esiste anche una depressione ‘sana’ (e necessaria!) quando ci si confronta con le situazioni limite dell’esistenza. Anche se la tristezza infinita di fronte alle perdite (separazioni, morte, malattia) confina con la depressione, non deve essere trattata come tale. Anche un giovane terapeuta distingue la sana depressione di una madre cui è morto il figlio sei mesi prima (…) e la depressione disfunzionale di una madre che piange, come fosse oggi, il figlio morto dieci anni prima (…).
Attraversare le sane depressioni dovute ai limiti anche tragici dell’esistenza fa crescere nella pienezza dell’essere umani. Quando la depressione è reazione all’infelicità costitutiva dell’esistenza (e non si somma ad altre gestalt aperte, non elaborate), infatti, compiuto il tempo necessario per l’elaborazione del lutto, si apre e si trasforma in ‘saggezza triste’ che permette di incontrare l’Altro nella concretezza dell’esistenza senza fughe nell’euforia.
Viceversa, negare la tristezza delle perdite può, a sua volta, produrre depressione ‘patologica’. Nella postmodernità molte depressioni derivano proprio dal rifiuto della morte e dal vivere come umiliante sconfitta ogni situazione limite.

(Dal testo Devo sapere subito se sono vivo di Salonia, Conte, Argentino, Il Pozzo di Giacobbe, Trapani, 2013,€ 16,00. Il brano riportato è tratto dal capitolo: L’improvviso, inesplicabile sparire dell’Altro. Depressione, Gestalt Therapy e postmodernità, a cura di  Giovanni Salonia, pag. 185)  



(J644 (1862) / F713 (1863)

You left me - Sire - two Legacies -
A Legacy of Love
A Heavenly Father would suffice
Had He the offer of -
You left me Boundaries of Pain -
Capacious as the Sea -
Between Eternity and Time -
Your Consciousness - and Me -  

Mi lasciasti - Mio Signore - due Eredità -
Un Lascito d'Amore
Che basterebbe a un Padre Celeste
Se gli venisse offerta -
Mi lasciasti Confini di Dolore -
Capaci come il Mare -
Fra l'Eternità e il Tempo -
La Tua Consapevolezza - e Io -    Emily Dickinson 

4 commenti:

  1. armando caccamo26 febbraio 2016 07:12

    è sempre lenimento per l'anima leggere il tuo blog, cara Maria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @armando caccamo: caro Armando, grazie di cuore del tuo affettuoso apprezzamento. A presto.

      Elimina
  2. Una distinzione – tra depressioni patologiche e “sane” – pienamente condivisibile e ben delineata, anche negli esempi che porta. Un tema di grande rilevanza sempre, ma soprattutto nella contemporaneità. Grazie. Buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @gian maria zavattaro: grazie dell'attenzione e della condivisione. Cordiali saluti. Buon fine settimana.

      Elimina