lunedì 19 dicembre 2016

Insegnare la felicità

Il violinista blu - Marc Chagall (1947)
     Sebbene datato (scritto l’11.12.2015), ecco l’interessante articolo sul “Corsera” di Emanuela Di Pasqua: “C’è una scuola elementare vicino a Birmingham, in Inghilterra, dove i bambini non imparano solo a leggere e a far di conto, ma dove si insegna l’arte della felicità. Qui «happiness» è una materia curricolare, un’ora di lezione accanto alle altre. Tutto è cominciato dopo la morte di un genitore che aveva quattro figli nella scuola; la scuola allora ha chiamato Jules Mitchell, «coach» esperta in resilienza, la capacità di rispondere positivamente ai traumi. La Mitchell ha allestito un Happiness/Lab per aiutare lo staff scolastico a gestire il grave lutto che aveva colpito i bambini: canzoni gioiose urlate a squarciagola, giochi di gratitudine, corsi di autostima, danza liberatoria e meditazione; (…) gli insegnanti hanno imparato le tecniche migliori per aiutare i bimbi a stare meglio con se stessi.” 
     Un’ora di felicità? La buona scuola potrebbe averne bisogno.
             Maria D’Asaro, “100nove” n.47 del 15.12.2016



8 commenti:

  1. Perfettamente d'accordo.

    Peccato che per "buona scuola" oggi si intende un sistema, coadiuvato da una legge, che produce paradossalmente una pessima scuola. E non si vedono all'orizzonte segni di cambiamenti di rotta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giancarlo Russo: grazie della visita e dell'apprezzamento. Condivido - da docente - le sue critiche a quella che un pò troppo pomposamente è stata definita "buona scuola". Critiche costruttive espresse, ad esempio, qui http://maridasolcare.blogspot.it/2016/07/ptof-e-rav-inutili-senza-li-care.html e qui: http://maridasolcare.blogspot.it/2016/07/bonus-si-o-no-questo-e-il-problema.html. Saluti cordiali.

      Elimina
  2. Rossana Rolando21 dicembre 2016 21:05

    Impresa molto difficile quella di trasmettere “l’arte della felicità”… bisognerebbe possederla… Come insegnante mi accontenterei di riuscire a dare qualche strumento intellettuale per decodificare un pochino se stessi e la complessa realtà in cui viviamo, per liberare la mente da strettoie, pregiudizi, chiusure e mettere sulle tracce di un sapere inteso come continua ricerca (anche della felicità). Grazie della provocazione. Buona serata, Rossana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rossana: sicuramente tentare di "insegnare" la felicità vuole essere una provocazione positiva. Ottima la sua ricetta ... Buon Natale da Palermo, Maria.

      Elimina
  3. Oh, l'adorabile Mary Poppins! Intanto in alcune scuole californiane si insegna la meditazione, e sembra che ai bambini faccia benissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia: non so quante volte ho visto "Mary Poppins" che è adorabile ...

      Elimina
  4. Fossi un'insegnante l'introdurrei immediatamente, soprattutto per il corpo docente. Sento solo insegnanti frustrati... Dovresti presentare il progetto.
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Santa S: l'insegnante frustrato è una rovina per gli alunni ... Un abbraccio e ancora Buon Natale!

      Elimina