venerdì 17 novembre 2017

Marcello Cimino, comunista soave


    Ai più, il nome Marcello Cimino ricorda forse l’omonimo clochard ucciso a Palermo nel marzo scorso per futili motivi. Ma a Palermo è vissuto un altro Marcello Cimino, politico e giornalista: dirigente autorevole, alla fine degli anni ’40, del PCI ad Agrigento, fu anche corrispondente de "L'Unita' " e redattore brillante, negli anni '60, del quotidiano palermitano "L'Ora". Marcello Sorgi, editorialista de “La Stampa”  ricorda Marcello (morto nel 1989) come un maestro severo, esponente di rilievo del giornalismo d’inchiesta. Ma anche “signore gentile, colto, elegante: un siciliano che a primavera amava portare all’occhiello un gelsomino intrecciato a una foglia di citronella”. A Marcello Cimino, marito della giornalista e scrittrice Giuliana Saladino, il compianto regista Michele Perriera ha dedicato un libro: “Vita e morte di un comunista soave”, testo che sarebbe utile rileggere. Nell’oggi così liquido, confuso e mediocre, potrebbe esserci d’aiuto l’esempio di un comunista insieme impegnato e soave …
                                                                                                                         
                                                                                                                        Maria D’Asaro

(Mauro Rostagno intervista Marcello Cimino, nel 1988)

1 commento:

  1. Rossana Rolando26 novembre 2017 16:37

    Grazie. Una figura da ricordare.

    RispondiElimina