venerdì 5 gennaio 2018

Dove c'è amore, c'è famiglia

Caravaggio: Sacra Famiglia con san Giovannino
                 (...) E’ il tema della sacra famiglia oggi: la famiglia è l’invenzione divina come luogo nel quale si coltiva l’amore tra le persone. Se non c’è amore non è famiglia. Addirittura possiamo invertire l’affermazione: dove c’è amore, c’è famiglia. Non è un valore positivo la famiglia di per sé: è l’amore che rende positivo e valido lo stare insieme. Ma se a casa ci si ammazza, questa non è famiglia, è la negazione della famiglia. Se due, tre persone, dieci persone si vogliono bene, quella è famiglia. Quindi la componente naturale della familiarità non garantisce di per sé, deve essere trasfigurata da relazioni di amore vero, genuino, autentico.
              E quindi non la sacralità della famiglia – la famiglia è sacra – no, la famiglia diventa santa perché è il luogo dell’amore. E nel passato tante volte l’intoccabilità della famiglia ha fatto sopportare o ha reso sopportabili tante cose assurde. Quindi o la famiglia è un potenziamento delle relazioni di amore o altrimenti non serve a nulla. 
              E allora recuperiamo quest’atmosfera della sacra famiglia che è in progress, che va crescendo, che si va arricchendo, fino al punto in cui Gesù dirà: Mia madre, mio padre, i miei fratelli, le mie sorelle, siamo tutti … Quindi quest’apertura tendenziale della famiglia verso la familiarità di relazioni benefiche, positive, creative e ri-creative per tutti.

(parte finale dell'omelia pronunciata da don Cosimo Scordato, il 31.12.2017 nella chiesa di san Francesco Saverio a Palermo)






6 commenti:

  1. "La famiglia diventa santa perché è il luogo dell’amore." Ecco, questa frase è fondamentale e la condivido in pieno. La famiglia non è "santa" per definizione, ma lo è se in concreto esiste amore al suo interno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Daniele: d'accordo! Ancora buon 2018 e saluti cordiali.

      Elimina
  2. Brava Maria e, "a monte", brava Cosimo !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Augusto: ringraziamo Cosimo di "esserci" ...

      Elimina
  3. Splendide, queste parole! Quanti truci bigotti (i veri negatori di Cristo) credono che essere "cristiani" significhi rinchiudersi in un ristretto famiglismo rincagnato e avaro: le famiglie in senso lato vengono create con la mente, il cuore e l'anima, non sono soltanto una questione di contratto matrimoniale e dna riproduttivo.
    Un abbraccio, carissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Zio Scriba: lieta della condivisione di prospettiva. Ricambio abbraccio.

      Elimina