lunedì 19 settembre 2016

La scopa del sabato sera …

         
Van Gogh: Contadino che zappa
        Kayvan, arrivato a Palermo dallo Sri Lanka quasi vent’anni fa, non si chiede come passare il sabato sera e la domenica mattina: ogni sabato sera, alle 21, non ci sono pub o altri locali nel suo orizzonte, ma, dopo aver posteggiato il suo ciclomotore, tira su la saracinesca di un negozio di parrucchiere, dove spazza e lava i pavimenti, spolvera e rende brillanti gli specchi. Stessa cosa l’indomani mattina alle nove, in una carnezzeria. Non si sa quanto sia pagato, né se ha regolare busta paga. Ma, estate o inverno, il sabato e la domenica Kayvan lo si vede sempre, puntuale nel portare avanti il suo umile lavoro. Forse abbiamo qualcosa da imparare da quest’uomo paziente, che è anche riuscito a portare a Palermo la moglie e i due figli: Kayyan ci insegna cosa siano tenacia e sacrificio costanti. E quanto contino per il conseguimento del proprio obiettivo di vita.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     Maria D’Asaro:  “Centonove” n.34 del 16.9.2016

2 commenti:

  1. Rossana Rolando4 ottobre 2016 19:55

    Bello. Cercare tracce di luce e farle brillare. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rossana: grazie dell'attenzione affettuosa. Buonanotte.

      Elimina