domenica 2 aprile 2017

Tieniti dritto e sorridi

         
Mia figlia Irene
Tieniti dritto e sorridi  

fallo in ogni tempo, all'ora del cattivo umore
come all'ora del buon umore,
davanti a quelli che ti piacciono
e a quelli che ti ripugnano
nell'agiatezza e nelle strettezze
nella miseria o l'opulenza.
La malattia o la salute,
tieniti dritto e sorridi

tra coloro che si precipitano,
coloro che si agitano nel vuoto
o si urtano gli uni agli altri
tieniti dritto e sorridi


tra coloro che si fanno largo a gomitate,
coloro che tendono le mani per prendere,
o che si arrampicano e si destreggiano,
tieniti dritto e sorridi

tra coloro che discutono,
e coloro che si ingiuriano,
coloro che stringono i pugni,
coloro che brandiscono le armi,
tieniti dritto e sorridi

nel giorno della collera
e dello sbandamento,
quando tutto crolla e brucia,
tu solo in piedi nel panico,
tieniti dritto e sorridi

di fronte ai giusti dalla nuca rigida,
i giudici dalle virtù taglienti,
gli importanti che si dimenano,
tieniti dritto e sorridi

sia che venga fatto il tuo elogio,
sia che ti si sputi in faccia,
tieniti dritto e sorridi

a casa con i tuoi,
tieniti dritto e sorridi,
di fronte alla tua amata,
tieniti dritto e sorridi.
Nei giochi e nelle danze,
tieniti dritto e sorridi.
Nella veglia e i digiuni,
tieniti dritto e sorridi


solo nell'alto silenzio,
tieniti dritto e sorridi
al limitare del grande viaggio,
anche se i tuoi occhi piangono,
tieniti dritto e sorridi.

                                                                                                         Lanza del Vasto

(qui una biografia di Lanza del Vasto;  qui una realizzazione nonviolenta in Sicilia;
qui quando incontrai Lanza del Vasto, al liceo "Maria Adelaide" a Palermo.)


4 commenti:

  1. Una poesia che è stile di comportamento e modello di vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Costantino: è proprio così ... Grazie della condivisione. Saluti cordiali.

      Elimina
  2. Rossana Rolando9 aprile 2017 19:07

    Un testo davvero coinvolgente, altamente etico, di una morale liberante. Azzeccata anche l’immagine (oltre al valore affettivo senz’altro racchiuso in essa) che raccoglie il senso di quel “tenersi dritto”, corrispondente ad una postura voluta, esercitata, conquistata. Grazie. Un caro saluto e buona settimana di Pasqua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rossana: grazie del sentito apprezzamento. Ricambio caramente saluti e auguri. Presto verrò a leggerla nel suo blog.

      Elimina