lunedì 28 aprile 2014

La globetrotter dei numeri

Ornella Giambalvo, prof. ordinario di Statistica sociale, UniPa
Ornella Giambalvo: classe 1967, piglio e aspetto da ragazzina. Eccellente fotografa, viaggiatrice d’eccezione, impegno nel volontariato, un’amicizia speciale con Lucio Dalla. Per lei - nata a Palermo e  palermitana doc - un passato anche nelle baracche in un paese colpito dal terremoto del 1968: Santa Margherita Belice, dove trascorre un pezzo d’infanzia. Oggi è Docente di Statistica sociale all’Università di Palermo e da poco ha conseguito l’abilitazione ad ordinario. 
E allora, prof.ssa Giambalvo, cominciamo dando … i numeri: quante sono oggi le donne docenti Ordinarie all’Università di Palermo? Come sono distribuite nelle varie Facoltà? Quante in Sicilia e in Italia? 
A Palermo siamo 78, il 19%. Il grosso della presenza femminile è concentrato in quattro ex Facoltà: Psicologia (38% le Docenti Professore ordinario), Lettere (31%), Giurisprudenza (28%). Economia (21%). Nelle altre ex Facoltà palermitane i numeri “rosa” sono davvero esigui. Non va meglio a Catania, dove le Docenti con ruolo di ordinario sono appena il 16,2%; mentre a Messina la percentuale arriva al 23,6%. In Italia siamo il 18,8% su un totale di 3565 donne prof. ordinari.
(questo l'inizio della mia intervista alla prof.ssa Giambalvo: per continuare, leggete qui, pagg.34,35)


3 commenti:

  1. Ciao, ho letto tutta l'intervista e devo dire di essere contenta... perché dimostra che anche le persone meritevoli possono fare carriera all'università, non solo i raccomandati! Ogni tanto fa bene leggere anche queste storie.

    RispondiElimina
  2. Doppio inchino: ad Ornella per la sua speciale interpretazione della vita, a Maruzza per avercela abilmente raccontata con l'ammirazione che merita. Ho visto premiare "donne dell'anno" per molto meno, ma quelle che davvero valgono non cercano premi, semplicemente vivono.

    RispondiElimina
  3. @Vele: grazie dell'attenzione dedicata alla prof.ssa Giambalvo: una donna in gamba, che merita davvero. Un abbraccio.
    @DOC: grazie del tuo delizioso commento. Un abbraccio.

    RispondiElimina