domenica 26 settembre 2021

L’oro verde dell’Etna? Il pistacchio

      Palermo – Ingrediente ricercato per dolci e gelati, ottimo condimento per primi piatti, frutta secca da sgranocchiare, squisito per insaporire salumi e formaggi: il pistacchio, in tutti i suoi utilizzi, è un prodotto assai richiesto in cucina, da pasticcerie e aziende alimentari.
   Coltivato già in età preistorica e originario dall’Asia, soprattutto dal Medio Oriente – ancora oggi l’Iran ne è il primo produttore mondiale – l’albero del pistacchio è resistente alla siccità e raggiunge anche gli 11-12 metri, anche se di solito si ferma a circa 5-6 metri. Cresce anche in terreni rocciosi e calcarei, ma predilige le terre vulcaniche; abbastanza longevo, raggiunge spesso i 300 anni di età. L’albero ha fiori unisessuali: ci sono alberi dai fiori maschili, altri dai fiori femminili, che producono i frutti. Un albero maschile produce abbastanza polline per fecondare circa dieci piante femminili.
     Il pistacchio italiano più pregiato si coltiva in Sicilia, ai piedi dell’Etna, (continua su il Punto Quotidiano)

Maria D'Asaro, 26.9.21, il Punto Quotidiano

2 commenti:

  1. Ora so tutto del pistacchio.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Gus: grazie dell'attenzione anche a questo tema gastronomico! Buona settimana.

      Elimina