lunedì 2 gennaio 2012

Ninna nanna metropolitana


         Maruzza, da piccola,  aveva paura della notte e del buio.
Era all’erta per ogni strano scricchiolio: aveva paura che nel buio ballassero chissà quali fantasmi, temeva che sua madre o la sorellina morissero nel sonno, era terrorizzata all’idea che, come ai pastorelli di Fatima, potesse apparirle, senza preavviso, una qualche madonna piangente…
Forse era il silenzio troppo vasto del suo paesino che la opprimeva. Forse era il sorriso allegro di sua madre, che le mancava.
Una volta, Maruzza emigrò nella grande città, a trovare il clan dei tanti parenti. E si ritrovò a dormire in una casa diversa, in un letto nuovo, col timore che anche lì le facessero compagnia i soliti spettri che popolavano la sua solitudine notturna.
Ma, con grande stupore, la bimbetta scopri che nella grande città la notte non si sposava con l’oscuro silenzio che regnava nel suo paesino: una sinfonia, allegra e scomposta, di tram, di automobili, di parole lontane e vicine, di cento altri suoni normali ed umani accarezzava le sue sensibili orecchie, mettendo a tacere, per una volta, i suoi fantasmi interiori.
Quella notte Maruzza riuscì a dormire serena, cullata dolcemente dall’insperata ninna nanna metropolitana.

5 commenti:

  1. Una bella storia con un capovolgimento dell'eterno conflitto città/campagna. In effetti a volte è bello anche percepire la città pulsante attorno a sé, per sentirsi meno soli.

    RispondiElimina
  2. ' vero, a volte il troppo silenzio fa paura. Anche io sono un po' animale di città

    RispondiElimina
  3. @Vele: l'ottima scelta da parte tua dell'aggettivo "pulsante" mi fa pensare a una bella canzone di Giorgio Gaber "Come è bella la città", anche se un pò ironica. La conosci?!
    @la stanza: mah...io amo la campagna: mi piacerebbe avere un orto, un giardino. Ma forse solo in teoria: in realtà anch'io sono un pò animale di città!

    RispondiElimina
  4. Riecco la Maruzza cucciola... A casa mia ci pensano i vicini a rompere. Il silenzio della notte, intendo. Ciao ciao.

    RispondiElimina
  5. @DOC: Maruzza cucciola ... me lo scrivi solo tu. Che tu sia benedetto, intanto per questo! Ciao, buona serata.

    RispondiElimina