sabato 7 gennaio 2012

PST, VOC e ... dintorni



Ecco di che si discute a cena, quando c’è il figlio scienziato.
- Ditemi quali sono i principali composti che inquinano l’aria… -
Silenzio.
Nostra Signora azzarda “benzene” … E il figlio scienziato: - Ma il benzene, come il toluene, è un solo un VOC! - Un che? 
- Un composto organo-volatile, ignoranti.  Ma i principali inquinanti sono: il monossido di carbonio, il PST, cioè il particolato sospeso totale, e gli ossidi di azoto e di zolfo.
E ditemi: in che ordine e in che percentuale questi cinque settori: agricoltura e pesca, industria, trasporti, centrali termoelettriche, terziario e abitazioni domestiche contribuiscono, in tutto il pianeta, all’inquinamento dell’aria? –
Ognuno prende un foglietto di carta riciclato e azzarda un’ipotesi. 
Sbagliata.
Si scopre che i trasporti sono responsabili del 68% dell’inquinamento del pianeta.
Tutto il resto, del rimanente 32%. -

Ecco perché a Nostra Signora piace camminare a piedi.
E vuole comprare la pasta prodotta nel paese vicino.

13 commenti:

  1. ....avrei sbagliato anch'io...il figlio scienziato fa riflettere!
    Auguri di buon inizio d'anno! :=)

    RispondiElimina
  2. Piccoli scienziati crescono... e speriamo che, crescendo, possano diffondere sempre di più idee per diminuire l'impatto dell'uomo sulla Terra.

    RispondiElimina
  3. il km 0 ci salverà.
    (speriamo)

    RispondiElimina
  4. Forse è per questo, per combattere l'inquinamento da parte della voce 'trasporti', che tutti i governi, oggi come e più di ieri, si attaccano alle pompe carburanti come fossero mammelle, suggendo i proventi delle vendite, e destinandone una minima parte proprio alla lotta all'inquinamento.
    Un cane che si morde la coda...
    Ogni tanto si parla di incentivare i trasporti su rotaia; mentre se ne parla, si demoliscono le linee ferroviarie, si ostacolano con una burocrazia becera i tentativi di spedizione merci su questi vettori, che alla resa dei conti risultano improduttivi, quindi da cancellare.
    E' sempre lo stesso cane, sempre la stessa coda vanamente inseguita.

    RispondiElimina
  5. @ciao,Cristina! Grazie della visita e buon 2012 anche a te!
    @Vele e Calzino: We hope it! Un abbraccio a entrambe.
    @gattonero: hai ragione. In Italia abbiamo privilegiato i trasporti su gomma per la Fiat. Ora ci ritroviamo senza Fiat (e senza lavoro) senza una linea ferroviaria degna di questo nome (almeno al Sud) e con i polmoni intasati di schifezze. Grazie della visita. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  6. Già vado a piefi, ora mi hai convinto a cercare prodotti fatti vicino a dove vivo! Mi hai fatto scoprire che è importante sul serio!

    RispondiElimina
  7. ci vuole molta pazienza con i figli!!!
    Bentrovata Mari

    RispondiElimina
  8. non solo inquiniamo, ma spendiamo una fortuna per farlo...siamo proprio un controsenso!!! Bravo il figlio scienziato, anche io avrei sbagliato :P

    RispondiElimina
  9. @Stanza: che carina che sei... Ciao, grazie della visita.
    @Luigi: è vero! Ben ritrovato, Luigi.
    @TuristadiMestiere: grazie della visita! A presto.

    RispondiElimina
  10. Che bello un figlio scienziato che può aumentare la nostra consapevolezza su ciò che inquina la Terra: muoviamoci maggiormente a piedi per quello che si può e cerchiamo le filiere corte da cui servirci. Ciao

    RispondiElimina
  11. Ciao, Anthea: benvenuta nel mio blog!
    In effetti, adesso, è spesso il figlio scienziato a ... farmi crescere.
    A presto.

    RispondiElimina
  12. C'è un tranello: ovvero tutti gli altri settori si servono più o meno dei trasporti, contribuendo a quella percentuale. Ciò non toglie che una bella passeggiata fa sempre bene, alla salute nostra e del pianeta. Saluti. Anche alla brillante prole.

    RispondiElimina
  13. @DOC: non hai torto. Aggiungo che c'è qualcosa di profondamente sbagliato nel modello di sviluppo che ci affanniamo a perseguire, inseguendo il mito della crescita.
    Ricambio i saluti e li estendo alla prole!

    RispondiElimina